Tutti i fatti

Tra il 2005 e il 2007 abbiamo creato un nuovo standard sociale per l’agricoltura a livello globale, e questo perché allora non vi era niente di paragonabile. Insieme ai nostri partner GlobalG.A.P. e Deutsche Gesellschaft für Internationale Zusammenarbeit (GIZ, istituto tedesco per la cooperazione internazionale) abbiamo realizzato lo standard GlobalG.A.P. Risk Assessment on Social Practice (GRASP, controllo dei rischi nelle pratiche sociali): costituito da 13 punti di controllo, prescrive ad esempio che i dipendenti debbano percepire il salario minimo stabilito per legge e che le ore di lavoro settimanali non possano superare, nemmeno durante la vendemmia, le 60 ore. Oggi oltre a noi vi sono tanti altri commercianti al dettaglio che incentivano i propri produttori a introdurre gli standard GRASP. Nel 2015 il numero dei produttori a lavorare secondo gli standard GRASP è salito a quota 13’000 unità. Questi produttori danno lavoro a 175’000 dipendenti che beneficiano così di migliori condizioni di lavoro nel settore dell’agricoltura.

Foto: Christoph Kaminski
    Foto: GlobalG.A.P.
    Foto: Christoph Kaminski
    Foto: Christoph Kaminski
    Foto: Heiner H. Schmitt
    Foto: Heiner H. Schmitt
    Foto: Raphael Schilling
    Foto: Raphael Schilling
    Foto: Raphael Schilling

Maggiori informazioni sui nostri partner