Tutti i fatti

Se questo processo richiede calore, la successiva fase di refrigerazione delle banane, volta a garantirne la freschezza, produce un calore residuo che viene poi impiegato per la maturazione stessa. Grazie all’introduzione di queste moderne misure di recupero è stato possibile rinunciare definitivamente agli impianti a olio e ai combustibili fossili, con un risparmio annuo di 135 tonnellate di CO2.