Slowing and Closing the Loop

Moda sostenibile: un approccio globale

Una strategia sostenibile e responsabile nel settore dei tessili non può limitarsi al processo di produzione: già lo sviluppo del prodotto e la scelta dei materiali sono decisivi per ottenere un prodotto sostenibile. Ma non solo: anche la fase successiva alla vendita, quindi quella che include l’utilizzo, il riciclo e lo smaltimento dei tessili contribuisce enormemente a rendere sostenibile il loro ciclo di vita.

Fasi di vita di un prodotto tessile
Fasi di vita di un prodotto tessile

Sviluppo dei prodotti

Le nostre marche proprie

Circa il 2% del nostro fatturato è generato dai tessili, il 53% dei quali è di marche terze. L’approvvigionamento delle marche proprie più importanti, vale a dire Coop Naturaline, Nulu e Sergio, avviene insieme ai fornitori e ai partner di lunga data secondo le nostre direttive: ciò significa che Coop ha voce in capitolo durante tutta la fase di creazione della collezione, dal colore al taglio fino agli standard sociali e ambientali.

I tessili di marca propria Coop
I tessili di marca propria Coop

I materiali

Circa un terzo del fatturato generato dalle marche proprie nel settore tessile è riconducibile a Coop Naturaline, un marchio sinonimo di cotone biologico, produzione da commercio equo-solidale, trasparenza della filiera e neutralità di CO2, tutto rigorosamente al 100%. Coop è il secondo rivenditore al mondo di tessili in cotone biologico da commercio equo-solidale e vanta un processo di produzione unico per controllo e trasparenza a tutti i livelli.

Grazie al codice QR e al codice di tracciabilità sui tessili Naturaline chiunque, anche da casa, può ottenere informazioni quali la provenienza del cotone o i dati sul produttore. Il materiale di base (maglia piatta o tessuto) deve essere costituito per almeno il 70% del peso da materiale di agricoltura biologica controllata (cotone bioRe) o allevamenti biologici controllati.

Per le marche proprie Sergio e Nulu, invece, si utilizza cotone sostenibile proveniente dall’iniziativa Better Cotton, che si impegna per una produzione caratterizzata da standard equi, ecologici e sostenibili. L’obiettivo per il 2020 è produrre l’80% dei tessili di marca propria con cotone sostenibile.

Come per il cotone, anche per l’approvvigionamento di altri tessili pregiati quali lana merino e lana vergine, seta e modal si punta a prodotti di qualità che soddisfino appieno le esigenze dei clienti.

Sviluppo dei prodotti

Già durante la fase di design dei prodotti di marca propria, l’impiego di sostanze chimiche riveste un ruolo fondamentale: una gestione sistematica e preventiva permette di evitare l’impiego di tutti i gruppi di sostanze finite nel mirino di Greenpeace nei nostri prodotti di marca propria.

Ciò vuol dire che vengono scelti solo i materiali, i colori e le stampe realizzabili senza l’utilizzo di sostanze chimiche. ll passaggio a sostanze chimiche conformi alle norme Detox rappresenta da sempre una sfida per l’industria e viene sostenuto da Coop attraverso un’opera di sensibilizzazione mirata nella catena di fornitura.

Durata del prodotto e design senza tempo sono le due parole d’ordine per le marche proprie Naturaline, Nulu e Sergio, che puntano a offrire capi facili da abbinare e indossabili per più di una stagione prendendo così le distanze dal fast fashion e dalla moda «usa e getta».

Qualità / Valore

Per le nostre marche proprie puntiamo su elevati standard di qualità e di produzione. Per tutti i nostri tessili la priorità è offrire prodotti durevoli e di alta qualità. Oltre ad attuare misure di gestione della qualità, nella fase di produzione di tutti i nostri articoli delle collezioni si effettuano una serie di verifiche a campione di requisiti quali restringimento, resistenza del colore al lavaggio, sfregamento e pilling. Controlliamo inoltre che la dimensione di taglio necessaria corrisponda agli standard da noi definiti.

Produzione

In quanto a sostenibilità, il nostro approccio comprende l'intera filiera: esigiamo a tutti i livelli il rispetto di standard sociali ed ecologici, in modo da garantire una produzione tessile responsabile e attuiamo tali standard già in fase di reperimento delle materie prime.

Vai alle direttive Tessili + Pelle

Per saperne di più su Detox

Per saperne di più sulla BSCI

Vendita

Diciamo no al fast fashion

Non solo è importante chiudere il ciclo di vita dei tessili, ma anche rallentarlo: creare collezioni e tendenze che durino per più stagioni è la chiave di volta per un consumo più responsabile dei tessili nonché l’unico modo per limitare l’utilizzo di materie prime tessili.

Il nostro assortimento di articoli standard senza tempo è costituito per il 70% da capi Coop Naturaline. Per garantire una certa dinamicità, alcuni prodotti Naturaline selezionati e le marche proprie Nulu e Sergio presentano due collezioni stagionali all’anno.

Con i nostri prodotti, in particolare con Coop Naturaline, vogliamo lanciare un segnale in controtendenza al fast fashion, la moda «usa e getta» e sensibilizzare i nostri clienti verso scelte più consapevoli.

Utilizzo

I clienti rivestono un ruolo fondamentale per una gestione più sostenibile dei tessili: lavandoli, stirandoli e asciugandoli adeguatamente si contribuisce a ridurre il fabbisogno di energia e acqua necessario per la loro manutenzione. Non meno importante è riciclarli correttamente una volta dismessi.

Riutilizzo e riciclo

Il nostro obiettivo è prolungare al massimo il fine vita di un capo ancora utilizzabile e di riciclare adeguatamente i tessili giunti al termine del loro ciclo vitale. La forma più sensata per riciclare un capo d'abbigliamento non più indossato è cederlo ad altri che possano utilizzarlo come indumento di seconda mano, come dimostra anche il bilancio ecologico per il riutilizzo e il riciclaggio di vestiti da noi avviato.

Valorizzazione ecologica dei tessili
Valorizzazione ecologica dei tessili

Collaborazione con Tell-Tex

In 503 punti di vendita Coop trovate i contenitori per la raccolta di vestiti e scarpe Tell-Tex, un’associazione senza scopo di lucro che si occupa della raccolta di tessili e assicura che essi vengano raccolti, selezionati e riciclati in maniera adeguata. I ricavi per l’utilizzo dei capi vengono devoluti, tra gli altri, anche al Padrinato Coop per le regioni di montagna, che nel 2016 è riuscito a sostenere le famiglie di contadini svizzeri con ben 514'517.– franchi ricavati da questa iniziativa.

Le famiglie di contadini di montagna hanno inoltre la possibilità di ordinare gratuitamente vestiti quasi nuovi dalla raccolta di capi. Nel 2016 sono stati inviati gratuitamente ai contadini di montagna svizzeri 354 pacchi di vestiti.

Grazie alla collaborazione con Tell-Tex garantiamo nei nostri punti di vendita una rete pressoché capillare di punti di raccolta dei tessili e sosteniamo anche importanti progetti a sfondo sociale.

Progetti di ricerca

Con le nostre marche proprie nel settore tessile intendiamo creare innovazioni sostenibili lungo tutto il ciclo di vita dei tessili e attuare misure nei settori più importanti, non solo per rispondere a una questione di mera immagine, ma perché esse creino a tutti gli effetti anche un valore aggiunto.

Roundtable Texcycle

La riciclabilità rappresenta una vera sfida per il riutilizzo dei tessili: molti di essi, infatti, sono composti da fibre diverse (per esempio 98% cotone e 2% elastan), impiegate del resto anche per migliorare la vestibilità, la qualità e durata di vita di un prodotto e quindi non facilmente sostituibili.

Per questo motivo sosteniamo il progetto di ricerca «Texcycle» condotto dall’Università di Lucerna e da Texaid, che analizza i processi di trattamento degli abiti usati ottimizzandoli con l’obiettivo di chiudere il loro cerchio di vita o di renderlo più sostenibile tramite l’upcycling e il recycling.

Bilancio ecologico del riciclaggio dei tessili

Insieme a Quantis e all’associazione delle aziende di raccolta di tessili in Svizzera abbiamo condotto un bilancio ecologico sulla raccolta e il riciclaggio di tessili dopo la loro raccolta.

Principi e temi