06.01.2016
Strategia aziendale

Il Gruppo Coop consolida la propria posizione in un mercato in recessione

Nel 2015 Coop ha consolidato la propria posizione nonostante i mercati in recessione e un contesto economico difficile. Nel 2015 l'azienda è riuscita a fidelizzare nuovi clienti, aumentandone la frequenza del 2,4 % conquistando nuove quote di mercato, in particolare nel settore prodotti freschi. Al contrario, l'abolizione del tasso minimo di cambio e i numerosi ribassi di prezzo Coop, che hanno raggiunto un totale di circa 200 milioni di franchi, hanno avuto ripercussioni sul ricavo netto nominale dei supermercati Coop, che è diminuito dell'1,3 %, passando a 10,5 miliardi. Senza il rincaro negativo dell'1,3 %, il ricavo netto reale dei supermercati si attesta al livello dello scorso anno. Un quadro simile si presenta in tutti i formati del commercio al dettaglio.

Il settore commercio all'ingrosso / produzione è cresciuto, al netto degli effetti valutari, del 3,8 %. La decisione della Banca Nazionale Svizzera di abolire il tasso minimo di cambio ha causato, nonostante la crescita nei singoli mercati, una flessione, calcolata in franchi svizzeri, a 10,6 miliardi, corrispondente al 5,2 %.

In continua crescita il commercio online del Gruppo Coop, che ha totalizzato un ricavo netto di 1,2 miliardi di franchi. I 23 shop online registrano un aumento nominale del 14,0 %.

In totale il ricavo netto del Gruppo Coop in valuta nazionale è diminuito dell'1,1 % a 25,9 miliardi di franchi, che corrispondono, al netto del rincaro, a una crescita dell'1,4 %.

Il Gruppo Coop
Il ricavo netto del Gruppo Coop si compone dei ricavi netti dei settori commercio al dettaglio e commercio all’ingrosso / produzione. Il ricavo netto ha registrato un calo nominale del 4,6 % rispetto allo scorso anno, passando a 25,9 miliardi di franchi. Di questi, il 3,6 % è da ricondurre a effetti valutari e il 2,4 % al rincaro negativo. In termini reali e al netto degli effetti valutari, la crescita è pari all’1,4 %. Alla fine del 2015 il Gruppo Coop contava un totale di 2'205 punti di vendita, per un aumento di 15 unità e una superficie di vendita che al 31 dicembre 2015 era pari a circa 2,7 milioni di m2, corrispondenti a un aumento dello 0,3 %.

Commercio al dettaglio
L'abolizione del tasso minimo di cambio dell'euro nel 2015 ha provocato una flessione dei mercati del commercio al dettaglio: il ricavo netto del settore Commercio al dettaglio di Coop senza combustibili e carburanti ha registrato un calo in termini nominali dell'1,2 %. Considerando il notevole rincaro negativo, pari al 2,1 %, ciò si traduce in un aumento reale dello 0,9 %. I formati Food e Non Food Coop sono riusciti a consolidare la propria posizione in un contesto difficile e a conquistare nuove quote di mercato. Il numero di punti di vendita è passato a 1'998 (+20). In totale, quindi considerando anche combustibili e carburanti, il settore del commercio al dettaglio ha realizzato un ricavo netto di 17,3 miliardi di franchi.
Le forti riduzioni di prezzo attuate nei supermercati Coop, pari a circa 200 milioni di franchi, hanno avuto ripercussioni sul ricavo netto, che, con una flessione nominale del 1,3 %, si attesta a 10,5 miliardi di franchi. Il ricavo netto in termini reali è rimasto allo stesso livello dello scorso anno. Particolarmente degni di nota sono l'aumento della frequenza dei clienti del 2,4 % e il rafforzamento delle quote di mercato nel settore prodotti freschi. Al 31 dicembre 2015 i supermercati Coop in attività erano 856 (+19).

Anche nel 2015 le marche proprie e i label di qualità sostenibili hanno registrato un andamento molto positivo, con un ricavo netto cresciuto del 3,4 % a 2,3 miliardi di franchi. L'assortimento contrassegnato dalla Gemma bio continua a riscuotere un grande successo. Rispetto allo scorso anno i supermercati Coop hanno generato il 3,7 % di fatturato in più con i prodotti bio, per un totale di 1,1 miliardi di franchi. Nel 2015 Fairtrade Max Havelaar, grazie a un'ulteriore conversione dell'assortimento, è cresciuta di oltre il 20 %.

Lo stesso vale per Primagusto, la marca propria nel settore frutta e verdura, che ha registrato un aumento di oltre il 20 %. I prodotti regionali con il label di qualità La mia Terra hanno raggiunto oltre 140 milioni di franchi e il ricavo netto della frutta e verdura dalla forma inconsueta Ünique, è più che raddoppiato. Con i prodotti Free From, pensati per le intolleranze alimentari, si è potuto registrare un aumento del fatturato a oltre 120 milioni di franchi.

Gli effetti dell'abolizione del tasso minimo di cambio con l'euro nel 2015 si sono sentiti soprattutto nei formati Non Food: le forti diminuzioni di prezzo hanno generato un rincaro negativo, che, nonostante una crescita di fatturato reale, ha portato a una flessione dei fatturati nominali.
I 31 (-1) Grandi Magazzini Coop City hanno generato un ricavo netto di 849 milioni di franchi. Rispetto all'anno precedente il ricavo netto è diminuito in termini nominali del 5,1 %, effetto da ricondurre a tre grandi ristrutturazioni, alla chiusura della filiale di Thun Freienhof e al rincaro negativo dell'1,8 %.
Il formato Coop Edile+Hobby, con 74 (+/-0) punti di vendita ha conseguito un ricavo netto di 633 milioni di franchi, corrispondenti a una flessione nominale dell'1,1 %. Al netto di un rincaro negativo dell'1,3 %, Coop Edile+Hobby ha potuto registrare un leggero aumento e, grazie a una crescita reale dello 0,2 %, rafforzare la sua posizione leader in un mercato in recessione.
In un mercato dell'elettronica di consumo fortemente in contrazione, tutti i formati Coop hanno rafforzato la propria posizione. Dipl. Ing. Fust AG con Nettoshop.ch, Schubiger e 162 (-4) sedi ha generato un fatturato di 1,0 miliardi, che rispetto al 2014 rappresenta una crescita nominale del 2,3 % con un rincaro negativo del 6,1 %. In termini reali Dipl. Ing. Fust AG è cresciuto dell'8,4 %.
Nel 2015 il ricavo netto di Interdiscount e Microspot.ch, con 187 (-6) punti di vendita, si è attestato a 945 milioni di franchi. In termini nominali i ricavi sono diminuiti del 3,9 % sulla base di un rincaro negativo del 6,6 %. La crescita in termini reali è stata del 2,7 %.
Coop Mineraloel AG ha generato, con 294 (+10) sedi, un ricavo netto di 2,2 miliardi di franchi e ha subito una flessione nominale dell'11,0 % a causa del notevole rincaro negativo sul prezzo dei distributori di carburante pari a circa il 14 %. Coop Mineraloel AG è riuscita tuttavia a conquistare nuove quote di mercato.Con un aumento nominale del 10,4 %, si confermano positivamente le 64 farmacie Coop-Vitality; di cui nel 2015 sono state inaugurate altre 3 sedi.

Commercio all'ingrosso / Produzione
I settori commercio all'ingrosso / produzione nel 2015 hanno registrato, con una crescita del 3,8 % al netto degli effetti valutari, un ricavo netto di 10,6 miliardi. In franchi svizzeri il settore commercio al dettaglio / produzione ha subito una flessione del 5,2 % dovuta al basso corso delle valute estere. Il Gruppo Transgourmet, attivo nel Cash&Carry e nel rifornimento all’ingrosso in Svizzera, Germania, Francia, Polonia, Romania e Russia, ha totalizzato con 116 (+1) mercati Cash&Carry e con il rifornimento all'ingrosso un ricavo netto di 7,5 miliardi di franchi. Al netto degli effetti valutari, Transgourmet ha registrato un aumento del 2,5 % confermandosi la seconda azienda nel commercio europeo del Cash&Carry e del rifornimento all'ingrosso.

Shop online
Nel 2015 il Gruppo Coop ha totalizzato con gli shop online un ricavo netto di 1,2 miliardi. In particolare, hanno registrato un andamento positivo i 23 shop online del commercio al dettaglio, il cui ricavo netto è aumentato in termini nominali del 14,0 %, passando a 511 milioni di franchi. Il supermercato online Coop@home ha totalizzato un ricavo netto di 120 milioni di franchi, con una crescita nominale del 5,5 %. Anche Microspot.ch ha confermato il suo successo, con una crescita nominale del 17,8 %, per un totale di 172 milioni di franchi. Le ordinazioni online nel commercio all'ingrosso hanno registrato un ricavo netto di 698 milioni di franchi, per una crescita nominale del 3,4 %.

Il risultato aziendale completo verrà pubblicato martedì 23 febbraio 2016.

Contatti

Denise Stadler, responsabile Ufficio Stampa
Tel. +41 61 336 71 10

Urs Meier, portavoce
Tel. +41 61 336 71 39