Dichiarazione di allergeni

Le disposizioni di legge relative alla dichiarazione degli allergeni sono chiare.

Gli allergeni soggetti all'obbligo di dichiarazione ovvero gli ingredienti da questi ricavati devono essere sempre chiaramente indicati nell'elenco degli ingredienti. Ciò vale anche per ingredienti composti, come le miscele di spezie, ma anche per gli additivi. Nell'elenco degli ingredienti gli allergeni presenti vengono dichiarati in modo conforme, per es. «Condimento in polvere (con sedano e frumento)» oppure «Emulsionante (E 322 [derivato della soia])». In caso di contaminazione involontaria superiore a un grammo per chilogrammo, sulla confezione degli alimenti contenenti un allergene soggetto all'obbligo di dichiarazione, la legislazione svizzera prevede che venga apposta la dicitura «Può contenere tracce di...».

I seguenti allergeni sono soggetti all'obbligo di dichiarazione e devono essere sempre riportati nell'elenco degli ingredienti, a prescindere dalla quantità:

  • cereali contenenti glutine (frumento, segale, orzo, avena, spelta, kamut o varietà ibride) e loro derivati
  • crostacei e loro derivati
  • uova e loro derivati
  • pesci e loro derivati
  • arachidi e loro derivati
  • fagioli di soia e loro derivati
  • latte e suoi derivati (incl. lattosio)
  • frutta con guscio (noci): mandorle, nocciole, noci comuni, noci di acagiù, noci di pecan, noci del Brasile, pistacchi, noci di macadamia e noci del Queensland
  • sedano e suoi derivati
  • senape e suoi derivati
  • semi di sesamo e loro derivati
  • anidride solforosa e solfiti in concentrazioni superiori a 10 mg/kg o 10 mg/l, espressi come SO²
  • lupini e loro derivati
  • molluschi e loro derivati