Il label di qualità Max Havelaar identifica prodotti equi e solidali come per esempio le fave di cacao.

Una lunga collaborazione di successo

Il nostro impegno per una produzione equa e un commercio più solidale è continuo, per questo insieme a Max Havelaar lavoriamo costantemente a nuovi progetti volti a sostenere i piccoli agricoltori e i produttori in Asia, Africa e America Latina.

Un impegno comune che porta frutti di grande valore.

Con le stelle di Natale certificate Fairtrade, il Natale diventa equo e solidale!

Per la prima volta Coop introduce in Svizzera stelle di Natale con marchio Fairtrade. Solitamente, per ragioni legate alle condizioni climatiche, fiori e piante vengono coltivati nei Paesi in via di sviluppo, e ciò vale anche per le stelle di Natale. I lavoratori addetti alla loro coltivazione però sono molto spesso sottoposti a condizioni di lavoro precarie. La novità consiste nel fatto che adesso le piantine, tra cui anche le talee che diventano piante adulte in Svizzera, possono essere certificate con il marchio Fairtrade. In questo modo, anche nel settore floricoltura sempre più persone possono beneficiare di condizioni eque.

I dipendenti di vivai certificati Fairtrade ricevono condizioni di assunzione eque e una miglior tutela della salute. Gli standard ambientali vengono rispettati e inoltre, con i premi Fairtrade, ven-gono realizzati progetti a favore della collettività.

Con l'acquisto di STELLE DI NATALE FAIRTRADE PRODOTTE IN AFRICA E COLTIVATE IN SVIZZERA reperibili nei supermercati Coop e nei centri Coop Edile+Hobby tutti hanno la possibilità di fare una buona azione: per i propri cari e per le persone dei Paesi in via di sviluppo.


Seguite il viaggio sul live blog dal 26 settembre al 9 ottobre. Aline, Lisa, Bettina e Carole, le 4 fioriste vincitrici del concorso, raccontano dal vivo il loro viaggio in Kenia (qui trovate inoltre il contributo su Fatti non parole). Le fortunate vincitrici del viaggio in Kenya sono Aline, Larissa, Bettina e Carole con l’opera «Lebensflug». Le quattro aspiranti fioriste avranno la possibilità di conoscere personalmente chi opera dietro le quinte per produrre i fiori che utilizzano nel loro lavoro quotidiano e osservare da vicino l’impatto del commercio equosolidale in occasione di una visita a un vivaio di fiori in Kenya.


"World Fairtrade Coffee Challenge"

Di tutti i produttori Fairtrade, che ammontano a 1,5 milioni, quasi la metà coltiva caffè. Si tratta in prevalenza di piccoli agricoltori che si riuniscono in cooperative democratiche per presentarsi sul mercato come un unico soggetto. Con l'acquisto di miscele da commercio equosolidale i consumatori possono sostenere ogni giorno i coltivatori di caffè di oltre 30 paesi: grazie al premio Fairtrade gli agricoltori migliorano le proprie condizioni di vita e quelle della comunità in cui vivono con le proprie forze e in una prospettiva di lungo periodo.

Dall'11 al 15 aprile 2016 si è svolta la più grande sfida mondiale del caffè. In totale sono state bevute 4.8 milioni di tazze di caffè. Grazie al sostegno attivo dei nostri clienti Coop ha fornito un apporto quantificabile in xxx milioni di tazze! Grazie a questa azione i coltivatori di caffè Fairtrade hanno potuto vendere circa 39 tonnellate di caffè crudo alle favorevoli condizioni del commercio equosolidale che prevedono tra l'altro un premio Fairtrade, da investire in progetti comuni e nel miglioramento della qualità e della produttività. Ulteriori informazioni sul progetto World Fairtrade Coffee Challenge e sulla sua utilità sono disponibili su http://www.maxhavelaar.ch.


Con i fiori Fairtrade regalate una doppia gioia

Il 2016 è l’anno dei fiori Fairtrade: sono infatti ormai 15 anni che Coop vende fiori del commercio equosolidale. Con ogni acquisto i nostri clienti migliorano le prospettive future dei circa 50.000 lavoratori e lavoratrici che raccolgono le rose in Africa e America latina. Altre informazioni sull’argomento sono illustrate nel video sulle rose della fondazione Max Havelaar o nel nostro fatto n. 27.

Il momento culminante dell’anniversario è stato il grande evento dedicato ai fiori tenutosi venerdì 4 e sabato 5 marzo nella stazione centrale di Zurigo. Il programma ha previsto un incontro con Grace Mwangi, che raccoglie rose in Kenya, e i collaboratori della fondazione Max Havelaar e di Coop, così come la creazione di composizioni artistiche dal vivo sul tema «Fair durchs Lebens» (vivere all’insegna della solidarietà) ad opera di aspiranti fioriste.


Dolcezza equa e solidale

Molti coltivatori di cacao certificati Fairtrade riescono a vendere a condizioni eque solo una parte delle materie prime, mediamente pari a un terzo del raccolto. ll motivo è da ricondursi soprattutto alle attuali direttive per i prodotti finali certificati Fairtrade, secondo le quali per la produzione devono essere utilizzate esclusivamente le materie prime Fairtrade disponibili, inoltre almeno il 20% del prodotto finale deve essere costituito da ingredienti provvisti del marchio. 

Proprio per garantire nuove possibilità di vendita a condizioni eque è stato sviluppato il Programma Fairtrade per il Cacao, che attribuisce il marchio «Fairtrade Cocoa Program» a tutti i prodotti contenenti cacao proveniente al 100% da commercio equo e solidale. Questa innovazione permette ora ai produttori di cacao di vendere una percentuale maggiore del loro raccolto totale alle condizioni del fairtrade. Coop è stata la prima azienda di commercio al dettaglio svizzera a introdurre il nuovo programma, ampliando così ulteriormente il nostro impegno per un cacao sempre più equo. Diversi prodotti a base di cioccolato delle marche proprie Naturaplan e Qualité & Prix sono ora realizzate esclusivamente con cacao Fairtrade, e una grande parte del cacao contenuto nel cioccolato Qualité & Prix proviene dal Ghana. 

L'obiettivo di Coop entro il 2017 è di utilizzare solo cacao certificato Fairtrade per tutti i prodotti di marca propria, oltre a promuovere il passaggio al cacao equo solidale tra i produttori di articoli di marca.


Il riso Naturaplan da commercio equo e solidale è coltivato in delle risaie in Asia.

Sostenibile ed equo: il riso che porta il sorriso

Il nostro intero assortimento di riso proveniente dall'Asia arriva da fonti certificate Fairtrade. Visitate con noi le risaie dell'India settentrionale per scoprire come viene coltivato il riso Naturaplan e quali sono i benefici del fairtrade per gli agricoltori locali.