Influenza, raffreddamento sotto controllo!

Fortifichi le sue difese immunitarie e non dia alcuna possibilità agli agenti patogeni: da parte nostra la aiutiamo con una vasta offerta di prodotti contro le malattie da raffreddamento nell’ambito della medicina classica, omeopatica e alternativa. I nostri collaboratori specializzati saranno lieti di consigliarla affinché lei possa godersi l’inverno in piena salute.

Naso chiuso e che cola? È un problema che si risolve spontaneamente...Non proprio! Purtroppo, durante l’inverno, anche un semplice raffreddore può degenerare: infezione, sovrainfezione, sinusite, bronchite... Talvolta non si tratta solo di un raffreddamento, bensì della vera e propria influenza.

Le vie respiratorie sono il bersaglio preferito di molti agenti patogeni. La maggior parte dei raffreddamenti sono di origine virale, ma anche un banale raffreddore, poco o mal curato, può evolvere in una sovrainfezione batterica dei bronchi o della sfera ORL. Quanto all’influenza, è sempre dovuta a un virus, il Myxovirus influenzae, e accompagnata da spossatezza, febbre, cefalea e dolori alle membra. L’infezione delle vie respiratorie comporta spesso un’ipersecrezione di muco difficile da espettorare. Nei casi più leggeri, il problema potrà essere risolto assumendo delle tisane medicinali (timo, liquirizia, ecc.) ed effettuando inalazioni e lavaggi delle vie nasali con una soluzione salina. Se invece le secrezioni sono vischiose e molto abbondanti, bisogna ricorrere a un mucolitico. I mucolitici sono dei “fluidificanti” che agiscono come delle cesoie che tagliano le mucoproteine (le proteine del muco) per facilitarne l’espettorazione. Uno dei farmaci di questa categoria è l’acetilcisteina, dotata pure di proprietà antiossidanti e antinfiammatorie.

Preparati specifici contro l’influenza e le malattie da raffreddamento
Oggi l’acetilcisteina è disponibile anche in associazione con un vasocostrittore -per liberare il naso-, paracetamolo- per contrastare febbre e dolori- e un antistaminico -per un maggior comfort durante le ore notturne. Queste preparazioni composte, indicate in caso di febbre e malattie da raffreddamento, sono studiate con formule parzialmente diverse per il giorno e la notte, per evitare la sonnolenza diurna e favorire il riposo durante il sonno. L’automedicazione non deve mai protrarsi per più di 4 giorni.

Fonte: vit@express
Redattrice: Rita Costa Ducret


Condividi:
Share Share Share Share