Carrello

Il carrello è vuoto.

Aggiungi un prodotto e comincia a fare i tuoi acquisti.

Importo totale

Valore della merce:
CHF
Spese di consegna:
CHF

Totale:

CHF

Astici

La famiglia degli astici (Latin Homarus gammarus o Homarus americanus) può essere divisa approssimativamente in due gruppi principali: l'astice americano e quello europeo.
Gli astici vivono in acque profonde tra i 2 e i 50 metri circa. Sono molto sensibili alla temperatura dell'acqua – a temperature inferiori a 5 gradi Celsius si rifiutano di mangiare, a temperature superiori a 21 gradi Celsius non possono sopravvivere.
Le aragoste vivono su terreni rocciosi dove si nascondono nelle cavità durante il giorno. In tarda serata, gli animali notturni ed estremamente territoriali vanno a caccia di cozze, alghe, conspecifici più piccoli, pesci morti e altre carogne.
La caratteristica corporea più sorprendente dell'astice sono le massicce chele della prima coppia di zampe che gli conferiscono il suo aspetto caratteristico. Le chele non sono uguali. Una chela è dotata di denti affilati ed è utilizzata soprattutto per afferrare il cibo, tagliare parti più morbide del cibo e dare cibo alla bocca. L'altra chela, simile a uno schiaccianoci,  è più robusta e viene utilizzata per rompere oggetti duri come cozze o lumache. Il fatto sorprendente è che se l'astice perde quest'ultima chela, alla prossima muta in cui cambia guscio creerà una nuova chela di presa, mentre la chela di presa rimanente si trasforma in una chela robusta che userà per spezzare oggetti più duri.

Metodi di preparazione

L'astice viene bollita per circa 15 minuti in acqua bollente fino a quando la pelle è di un rosso intenso. A questo punto si rompe la corazza dell'astice cotta con uno strumento simile a uno schiaccianoci e si spolpano le chele e la coda. La polpa delicata può essere servita semplicemente da sola con burro liquido.
L'astice già precotta può anche essere preparato freddo o servito dopo averlo brevemente riscaldato. L'astice non deve assolutamente essere riscaldato troppo a lungo, altrimenti la polpa si indurisce.
Un altro metodo di preparazione è quello di tagliare la coda a metà per il lungo. Dopodiché ogni metà coda può essere grigliata assieme ai gusci. Si griglia prima il lato della corazza, poi brevemente quello della polpa. Infine si aggiunge anche la polpa delle chele.
L'interno della testa non è commestibile.
Consiglio: Per evitare che l'astice fuoriesca quando bolle in acqua, è sufficiente preparare un proprio brodo. Ad esempio bollendo due o tre carote, la parte bianca di un porro, mezzo sedano, due cipolle, due o tre spicchi d'aglio, due foglie di alloro, un grosso rametto di timo, un po' di succo di limone con sale e vino bianco in abbondante acqua.

Sapore e consistenza

L'astice ha una polpa bianca, soda, tenera e molto saporita.
L'astice ha un sapore leggermente dolciastro e piacevolmente simile al mare. Può essere paragonato a grandi gamberetti o aragoste, ma con una nota unica e molto più delicata.

Metodi di cattura

Nasse e trappole
La pesca con nasse e trappole è tra le tecniche di pesca più antiche. Anche i nostri antenati dell'età della pietra hanno usato questo metodo, in cui le gabbie con attaccate le esche vengono calate in acqua. A differenza della pesca a strascico, per esempio, è uno dei metodi di pesca più passivi e allo stesso tempo più delicati.
Le nasse assomigliano spesso a gabbie o ceste che hanno una o più aperture (imbuti) e sono poste nel fondo del mare con o senza esche.
Una volta che il pesce è entrato nella trappola, non può più uscire a causa dell'ingresso a forma di imbuto. Una fuga attraverso le aperture di fuga è possibile, tuttavia, se l'animale non ha ancora raggiunto la dimensione di cattura desiderata. Questo rende possibile la pesca selettiva.

Altro pesce dal sapore simile…