Carrello

Il carrello è vuoto.

Aggiungi un prodotto e comincia a fare i tuoi acquisti.

Importo totale

Valore della merce:
CHF
Spese di consegna:
CHF

Totale:

CHF

Orata

L'orata (in latino: Sparus aurata) è sempre stata considerata un pesce di grande valore. Già la dea Afrodite la considerava sacra: se fosse a causa della sua bellezza o del suo cambiamento di genere nel corso della crescita non è però chiaro.
Il nome «orata» deriva dalla striscia orizzontale giallo-oro sulla fronte del pesce e da una macchia dorata sulle guance. Il corpo dell'orata è alto e compresso lateralmente. La sua alimentazione è composta principalmente da cozze e crostacei. Ma anche le prede più dure non causano alcun problema per l'orata, perché possiede denti taglienti e forti disposti in diverse file.
Una peculiarità biologica di questa specie di orata: non ci sono animali puramente femminili e maschi. L'orata nasce bisessuale. In giovane età gli animali sono inizialmente maschi, ma con l'aumento delle dimensioni corporee vanno a sviluppare organi sessuali femminili.

Metodi di preparazione

L'orata è particolarmente adatta per metodi di cottura forti come la griglia e arrosto. È perfetta per essere cucinata intera. A tal proposito il pesce può essere farcito con erbe mediterranee fresche e qualche fetta di limone a piacere e poi cotto alla griglia o in forno.
Il filetto di orata raggiunge il sapore ideale se arrostito fino a diventare croccante sul lato con la pelle desquamata.

Sapore e consistenza

L'orata ha una soda carne bianca con un aroma piacevolmente gustoso e speziato. Ha meno lische di altre specie di saraghi.
È molto popolare tra i buongustai e nella cucina di lusso.

Metodi di cattura

La pesca con nasse e trappole è tra le tecniche di pesca più antiche. Anche i nostri antenati dell'età della pietra hanno usato questo metodo, in cui le gabbie con attaccate le esche vengono calate in acqua. A differenza della pesca a strascico, per esempio, è uno dei metodi di pesca più passivi e allo stesso tempo più delicati.
Le nasse assomigliano spesso a gabbie o ceste che hanno una o più aperture (imbuti) e sono poste nel fondo del mare con o senza esche.
Una volta che il pesce è entrato nella trappola, non può più uscire a causa dell'ingresso a forma di imbuto. Una fuga attraverso le aperture di fuga è possibile, tuttavia, se l'animale non ha ancora raggiunto la dimensione di cattura desiderata. Questo rende possibile la pesca selettiva.

Altro pesce dal sapore simile…