Carrello

Il carrello è vuoto.

Aggiungi un prodotto e comincia a fare i tuoi acquisti.

Importo totale

Valore della merce:
CHF
Spese di consegna:
CHF

Totale:

CHF

Come conservare il formaggio

Il formaggio è un prodotto naturale vivente che continua a maturare anche dopo l'acquisto. Se volete gustare il formaggio nel modo più completo e più a lungo possibile, dovreste osservare alcuni principi importanti per la conservazione, poiché: solo con una conservazione ottimale, il prezioso cibo dispiega tutto il suo gusto e può essere conservato a lungo!

1. Il posto giusto: per il formaggio dev'essere fresco e asciutto

La giusta temperatura gioca un ruolo decisivo nella conservazione del formaggio: se è troppo elevata, il formaggio matura troppo velocemente e si deteriora e se è troppo bassa, il processo di maturazione si interrompe e il formaggio perde il suo aroma. Può essere utile sapere che più duro è il formaggio, più alta è la temperatura. Così un formaggio a pasta dura nel giusto imballaggio può durare a lungo in un ambiente con temperatura di 15 gradi, mentre un formaggio cremoso dovrebbe essere conservato a circa 5 gradi. In frigorifero è meglio mettere il formaggio nel cassetto del formaggio o anche nello scomparto per le verdure. Qui la temperatura si aggira solitamente intorno ai 7-9 gradi, che la maggior parte dei formaggi tollerano bene.

2. Il giusto imballaggio: il formaggio deve respirare

Se il formaggio è privo di imballaggio, si seccherà in fretta, mentre se è completamente chiuso in una confezione, rischia di marcire prima del previsto. Il formaggio si conserva al meglio in una carta speciale, che lo protegge dall'essiccazione e allo stesso tempo gli permette di respirare. Ma come ci sono numerosi tipi di formaggio, altrettanto diversi sono i consigli di confezionamento:
  • Per conservare formaggi duri e semiduri è adatto anche una pellicola o un foglio di alluminio, in cui si possono praticare alcuni piccoli fori per migliorare la permeabilità all'aria.
  • Lo stesso vale anche per i formaggi con muffa, che, tuttavia, sono ben confezionati anche nella loro confezione originale (ad esempio in un'apposita scatolina di legno).
  • Tuttavia il formaggio fresco non ha bisogno di respirare ed è meglio conservarlo nella confezione originale o in un altro contenitore ermeticamente sigillato.
  • Feta, mozzarella e simili vanno trasferiti con tanto di salamoia dalla confezione in un contenitore di plastica assicurandosi che il formaggio rimanga ben immerso nel liquido salato.

3. La giusta distanza: il formaggio ha bisogno di spazio

Il formaggio andrebbe sempre conservato separatamente a seconda della varietà, in modo che l'odore e il gusto o anche eventuali colture di muffe non possano essere trasferiti l'uno all'altro. Inoltre il formaggio sfuso può assumere l'odore di cibo vicino e quindi influenzarne il gusto.

Il piacere può durare anche più a lungo: formaggio sottovuoto o surgelato

Il formaggio ha il miglior sapore naturalmente fresco. Ma quando se ne ha in grandi quantità maggiori o non si sa cosa fare con gli avanzi, conservarlo sottovuoto o nel congelatore sono due metodi collaudati per conservarlo per un periodo di tempo più lungo. I formaggi a pasta dura e semidura sono i più adatti a questo scopo. Porzionato, in scaglie o grattugiato, il formaggio può essere poi utilizzato facilmente e rapidamente per preparare schiacciatine di formaggio, toast di formaggio, omelette, tortillas, gratin, fondute o raclette.

Conclusione: maneggiare con cura!

Il rispetto di questi importanti principi e, in generale, un'attenzione particolare nei confronti di questo alimento delicato, e proprio per questo così raffinato, ripaga doppiamente: con una conservazione più lunga e un sapore di formaggio più intenso - il portafoglio e il palato ringrazieranno!