Carrello

Il carrello è vuoto.

Aggiungi un prodotto e comincia a fare i tuoi acquisti.

Importo totale

Valore della merce:
CHF
Spese di consegna:
CHF

Totale:

CHF

Come comporre un bel tagliere di formaggi

Una festa per gli occhi e il palato allo stesso tempo: il modo perfetto per assemblare un tagliere di formaggi. Solo in Svizzera ci sono oltre 450 tipi diversi di formaggio! Comporre un tagliere di formaggi perfetto – nonostante la difficoltà della scelta – è facile e veloce se si seguono le regole più importanti.

Una selezione accurata in giusta quantità

Un tagliere di formaggi che garantisce un'ottimale esperienza di sapori è idealmente composto da cinque fino a un massimo di nove tipi di formaggio differenti. I formaggi devono avere una consistenza - da morbida a dura - e il tipo di latte - da quello vaccino, ovino, caprino e di bufala - il più possibile diversi. È inoltre interessante combinare insieme diversi tipi di formaggio provenienti dallo stesso paese, ad esempio dalla Svizzera, dall'Italia o dalla Francia. In termini di quantità si contano circa 170 - 200 grammi di formaggio a persona se il formaggio rappresenta un pasto completo. Se invece va a completare un pasto, si calcolano circa 80 - 100 grammi di formaggio a persona.

Disporre i formaggi in funzione del palato

Sul tagliere i diversi tipi di formaggio non sono raggruppati in base alla consistenza (morbida, dura), ma in base ai loro diversi aromi, dal dolce al piccante. È qui che entra in gioco il cosiddetto orologio dei formaggi, secondo il quale i tipi di formaggio sono disposti in senso orario da dolce a piccante: la variante più dolce è disposta a ore sei, cioè nel punto del piatto più vicino all'intenditore, e continua in senso orario con varietà sempre più forti. Questo ordine offre all'ospite un buon orientamento sul tagliere dei formaggi.

A ciascun formaggio il proprio taglio

I formaggi a pasta dura e semidura sono tagliati a pezzettini, i formaggi a pasta molle in piccole fette di torta. Il formaggio fresco, invece, va servito in piccole scodelle. Con il coltello da formaggio giusto per ogni tipo di formaggio si evita che il gusto o le spore delle muffe vengano trasferite da un formaggio all'altro. Per il formaggio a pasta dura si usano coltelli da formaggio affilati, per il formaggio a pasta molle corrispondenti coltelli da formaggio a pasta molle. Le cosiddette arpe da formaggio sono le più adatte per i formaggi erborinati.

I contorni ideali

Pane, uva, noci, fichi secchi o albicocche, fette di mele o pere o Gschwellti sono adatti come contorno per un tagliere di formaggi. Si possono scegliere anche contorni a tema, ad esempio mediterraneo con olive e fichi freschi o autunnale con uva e noci. Con altre aggiunte speciali individuali e ben scelte, come il miele al tartufo o la senape di fichi, è possibile creare note gustative molto speciali e creare nuove esperienze di gusto.

Il vino giusto

Per abbinare perfettamente il formaggio con il vino, ricorda una semplice regola generale: il vino bianco accompagna meglio il formaggio, rispetto al vino rosso. Di norma i formaggi e i vini con la stessa provenienza si armonizzano al meglio tra loro. Inoltre l'aroma di entrambi i prodotti deve essere di pari intensità il che significa che quanto più il formaggio è stagionato, tanto più il vino dovrebbe essere pieno. In termini di gusto, però, si può anche osare con i contrasti: i formaggi più amari e intensi sono adatti per accompagnare vini dolci e amabili; i formaggi cremosi o a pasta molle, invece, si abbinano meglio ai vini più acidi.

Conclusione: i taglieri di formaggi sono sempre benvenuti

Sapendo come, si possono comporre taglieri di formaggi facilmente anche a casa e, nonostante alcune regole da rispettare, offrono numerose possibilità di variazioni a seconda del proprio gusto personale. Di sicuro con un tagliere di formaggi ben assemblato e presentato con amorevole cura, si fa sempre colpo!