Carrello

Il carrello è vuoto.

Aggiungi un prodotto e comincia a fare i tuoi acquisti.

Importo totale

Valore della merce:
CHF
Spese di consegna:
CHF

Totale:

CHF

Scheurebe – una scoperta aromatica

Di recente lo Scheurebe ha festeggiato i suoi 100 anni. Il vitigno, infatti, è stato creato nel 1916 dall'incrocio di Riesling e Bouquet Blanc. Il suo inventore è un certo Georg Scheu, da cui deriva anche il nome dell'uva dal profilo aromatico intenso che ricorda quello del Sauvignon blanc. Il gusto dello Scheurebe si presenta comunque più fine ed elegante, spiega la viticoltrice tedesca Eva Vollmer dell'Assia Renana, grande conoscitrice di questo vitigno. La Germania è anche il Paese in cui si coltiva maggiormente lo Scheurebe: con circa 1500 dei 100'000 ettari di superfici vitate complessive.
Non conosce certo la fama di Riesling, Sauvignon blanc o Chardonnay «ma ha comunque una sua nicchia di tutto rispetto», aggiunge Vollmer. Spesso questa varietà d'uva viene chiamata «prima donna» perché è molto esigente e richiede le posizioni più ambite. Non ama i terreni troppo fertili, i suoi terroir favoriti sono quelli calcarei e ricchi di löss. E le viti più antiche riescono a donare ai loro vini una spiccata mineralità. Anche la vendemmia è senz'altro uno dei momenti più importanti. Come per il Sauvignon blanc, non va fatta né troppo presto, né troppo tardi. Solo così il vino sviluppa un'aromaticità non eccessiva né troppo penetrante.
L'ambiziosa viticoltrice Eva Vollmer lascia molto spazio anche all'affinamento. E non ha paura di intraprendere vie coraggiose. A questo approccio si deve l'annata 2018, affinata per la prima volta in botti di legno d'acacia. Così facendo Vollmer vuole dare vita a un nuovo stile per i vini Scheurebe: corposi, senza l'influenza del legno, intriganti, raffinati e con un bouquet non troppo intenso. La produttrice ha riservato un vino esclusivo per la linea «Edition Peter Keller» (disponibile anche su Mondovino). Il risultato convince su tutti i fronti e dimostra che lo Scheurebe è destinato a grandi imprese, come quella di fornire un'alternativa originale alle varietà più comuni. È l'ennesima prova che il mondo del vino non finisce mai di stupire.
Chiudi
75cl

Scheurebe Grazie aus Akazie Eva Vollmer Edition Peter Keller

Germania, 2018

Valutazione media: 5.0 da 5 da 5 1 recensione

Für diese Spezialedition hat Eva Vollmer Trauben aus durchschnittlich 40-jährigen Rebstöcken geerntet, die auf Kalkböden wachsen. Die Lage Hüttberg im deutschen Ort Ebersheim nahe bei Mainz ist aufgrund ihres Terroirs besonders geeignet für die Scheurebe. Die Sorte zeichnet sich durch eine relativ intensive Aromatik aus, die aber nicht aufdringlich ist. Die Nase des trockenen Weins offenbart einen Duft von gelben Früchten und würzigen Anklängen. Der Gaumen bietet eine saftige Frucht, reife Säure, schöne Eleganz und eine schöne, leicht salzige Länge, geprägt vom Terroir, auf dem die Scheurebe gewachsen ist. Köstlich animierend! Die „Grazie reifte im Akazienholzfass. Zum ersten Mal hat die Winzerin diesen Ausbau gewagt - und gleich reüssiert. Das Holz ist überhaupt nicht aufdringlich oder wie es Eva Vollmer formuliert: „Die Grazie trägt das Holz auf Händen.

22.95

Prezzo per 10 centilitro
3.06/10cl
Disponibile solo online