Carrello

Il carrello è vuoto.

Aggiungi un prodotto e comincia a fare i tuoi acquisti.

Importo totale

Valore della merce:
CHF
Spese di consegna:
CHF

Totale:

CHF

Sorti incerte per il Bordeaux

Non c'è ombra di dubbio: la regione vitivinicola di Bordeaux si conferma tra le eccellenze a livello mondiale. Sono essenzialmente due i gruppi di aziende che si spartiscono la superficie di circa 120'000 ettari: una cerchia ristretta di viticoltori prestigiosi con ricavi garantiti e la grande maggioranza di produttori quasi sconosciuti che a stento coprono i costi e sono costretti a vendere i propri vini a prezzi ridicoli.
Negli ultimi tempi, però, tira aria di tempesta anche per l'élite. Già prima della crisi innescata dal coronavirus, gli affari non andavano molto bene a causa delle sovratasse doganali negli Stati Uniti, dei disordini a Hong Kong e delle incertezze legate alla Brexit. E come se non bastasse, a causa del coronavirus sono stati cancellati viaggi ed eventi, incluse le degustazioni di campioni della nuova annata. I commercianti di Bordeaux hanno dovuto quindi escogitare nuovi espedienti, come inviare i campioni del 2019 a rivenditori specializzati e giornalisti e organizzare degustazioni nelle maggiori città come Zurigo. A causa delle prospettive economiche incerte, i prezzi della nuova annata sono stati ridotti del 20-30% in molti Paesi, creando opportunità di acquisto molto interessanti, sebbene negli ultimi anni le sottoscrizioni en primeur non siano state particolarmente vantaggiose per i consumatori. Infatti, una volta introdotti sul mercato, i vini avevano praticamente gli stessi prezzi delle sottoscrizioni.
Le prospettive non sono incoraggianti e i magazzini dei commercianti di Bordeaux dovrebbero già essere ben riforniti dei vini delle annate precedenti. Le vendite appaiono difficili, non solo per le etichette di annate infelici come il 2017, ma anche per le costose bottiglie del 2018, che devono fare i conti con il calo dei prezzi degli eccellenti 2019. Nel Bordelais, tuttavia, i vini dall'eccellente rapporto qualità/prezzo non mancano mai, basta solo guardarsi bene intorno. Lo Château Cormeil-Figeac Saint-Émilion del 2016 appartiene a questa categoria e Mondovino è riuscito ad aggiudicarselo per il suo assortimento di rarità. Ricco e vigoroso, questo grand cru ha un successo straordinario e può essere affinato senza problemi per oltre dieci anni (v. www.mondovino.ch). E questa è la prova che il Bordeaux, nonostante le tante difficoltà, non ha mai perso il suo fascino.
Chiudi
75cl

Château Cormeill-Figeac Saint-Emilion Grand Cru AOC

Francia, 2016

Valutazione media: 0.0 da 5 da 5 Scrivi la prima recensione

Questo vino unisce forza, pienezza ed eleganza. Già il bouquet aromatico e sfaccettato lascia presagire l'ottima qualità. Si tratta di un vino ben strutturato, complesso e vellutato con un finale persistente.

Prezzo
10% a patire da 6
29.95
Prezzo per 10 centilitro
3.99 /10cl
Azione valida solo online