Carrello

Il carrello è vuoto.

Aggiungi un prodotto e comincia a fare i tuoi acquisti.

Importo totale

Valore della merce:
CHF
Spese di consegna:
CHF

Totale:

CHF

Preziosi perlage

L'universo delle bollicine è davvero ampio e altrettanto diversi sono i metodi di produzione. Il più famoso è lo champagne francese, il più amato il prosecco italiano.
Rinfrescanti e festosi, i vini spumante sono una gioia per lo spirito e per il palato grazie alle tanto amate bollicine. Ma da dove viene l'anidride carbonica che ne permette la formazione? Molte varietà vengono prodotte con il cosiddetto "méthode traditionnelle": vale a dire che la seconda fermentazione, necessaria alla formazione delle bollicine e della schiuma, è indotta direttamente in bottiglia attraverso l’introduzione, prima dell'imbottigliamento, di una miscela aggiunta ai vini-base costituita da vino, zucchero e lieviti. A seconda della qualità, questo processo può durare diversi mesi o anche qualche anno. Dopo lo scuotimento e la sboccatura, che permette di eliminare i residui di fermentazione, si aggiunge un dosaggio di vino e sciroppo di zucchero che determina il grado di dolcezza del prodotto.
Il vino spumante più famoso e rinomato prodotto in questo modo è lo champagne, la cui patria per eccellenza è la Francia nordorientale. Sul mercato si trovano prodotti realizzati con diversi stili, ma la maggior parte sono bianchi e sans année; inoltre si tratta sempre di cuvée di annate e vigneti diversi, in genere assemblaggi di Chardonnay, Pinot nero e Pinot meunier. Gli intenditori trovano perlage di tutto rispetto anche al di fuori di questa prestigiosa regione: altrettanto rinomati sono il Cava dalla Spagna, lo spumante dalla Germania e il Franciacorta dall'Italia. Anche in Svizzera sono sempre più numerose le tenute che sorprendono con vini spumante di eccellente qualità, anche se qui da noi il più amato resta il prosecco veneto.
Il motivo è semplice: è facile da abbinare, fresco, fruttato e ha un ottimo prezzo. A differenza dello champagne, per il prosecco la seconda fermentazione non avviene in bottiglia, ma in autoclave secondo il cosiddetto metodo charmat, meno complesso e quindi meno costoso. Il vitigno principale impiegato nella vinificazione è il Glera e i migliori prosecco sono quelli della zona del Cartizze.