Keine Kamera verfügbar. Bitte Zugriff auf Kamera erlauben und Applikation neu starten.
Peter Keller ti spiega il variegato mondo dei vini spumanti.

I vini spumanti, un universo ampio e sfaccettato

Lo champagne è il protagonista indiscusso dei grandi brindisi, mentre il Prosecco è lo spumante più amato in Svizzera. Ma i due prodotti sono distanti anni luce, a dimostrazione di quanto sia ampio e diversificato l'universo delle bollicine pregiate.
Gli champagne vengono prodotti con il metodo classico, ovvero mediante seconda fermentazione in bottiglia. In seguito il vino deve affinare sui lieviti fini per almeno 15 mesi. Per gli champagne millesimati il periodo è di minimo tre anni e spesso si protrae molto più a lungo. La maturazione sui lieviti è determinante per la qualità dello champagne e per un perlage fine ed elegante.
Nel caso del Prosecco il processo produttivo è nettamente più semplice e conveniente. Questo classico italiano si ottiene infatti con il metodo Charmat e la seconda fermentazione avviene sotto pressione in grandi autoclavi. Non vi è quindi alcuna maturazione. Un elemento comune ai due vini spumanti è lo sciroppo di dosaggio, un elemento determinante per il grado zuccherino del prodotto finale. La versione più comune è il brut. Un piccolo residuo zuccherino dona al vino opulenza e morbidezza. Se invece l'etichetta riporta «Brut nature», oppure «Extra brut» si tratta di un vino spumante secco con una nota amara più o meno spiccata. Ha bisogno di affinare in bottiglia e in seguito sedurrà per la sua complessità da puristi.
Queste perle spumeggianti vengono prodotte in diversi luoghi. Oltre allo champagne e al Prosecco, è soprattutto il Cava spagnolo a godere di grande fama. In Lombardia si produce l'eccellente Franciacorta. Mentre esistono Sekt tedeschi di tutte le qualità: dalle bollicine scadenti per il mercato di massa ai Prestige, realizzati con estrema cura e perizia. Il motto dei viticoltori d'élite è «Make German Sekt great again»d. E a questa cerchia appartiene anche Eva Fricke del Rheingau, che per prima ha prodotto un eccellente Sekt rosé da uve Pinot noir. Secco, fresco, morbido e cremoso è l'alternativa perfetta allo champagne. Si tratta di un nettare unico ed è disponibile in esclusiva su Mondovino.
Immagine ingrandita Chiudi
75cl

Pinot Noir Rosé Extra Brut Eva Fricke

Germania, 2018

Valutazione media: 5.0 da 5 da 5 2 recensioni

Le uve Pinot Noir utilizzate per questo eccellente Sekt rosé extra brut provengono da due diversi vigneti situati nelle località di Kiedrich ed Eltville, nel Rheingau. Eva Fricke lo affina in tini d'acciaio, come fa per i suoi bianchi. La seconda fermentazione avviene invece in bottiglia, come per lo champagne. L'affinamento sui lieviti dura almeno 27 mesi, di solito più a lungo. Il momento della sboccatura è riportato sull'etichetta posteriore. Indipendentemente dalla sua maturità, questo spumante fresco ed extra brut sorprende con la sua complessità e finezza. A caratterizzarlo sono quindi un perlage delicato, un complesso bouquet con note di bacche rosse e aromi di brioche, una texture morbida e cremosa e un finale molto persistente. Questo spumante è adatto per gli aperitivi e accompagna molto bene il salmone e altri piatti a base di pesce.

34.50

Prezzo per 10 centilitro
4.60/10cl
Le rarità sono escluse da tutte le azioni.
Disponibile solo online