Keine Kamera verfügbar. Bitte Zugriff auf Kamera erlauben und Applikation neu starten.
Peter Keller spiega il mondo aromatico dei vitigni bianchi.

L’universo degli aromatici vitigni a bacca bianca

Il mondo del vino è complesso e vario. Chi, infatti, può dire di conoscere tutte le varietà coltivate? Sapere tutti i nomi è impossibile. Numerose varietà le si riconoscono attraverso uno o più aromi principali. Questi sono relativamente facili da distinguere con l’olfatto. Nella maggior parte dei casi si tratta di varietà aromatiche. Questa volta ci dedicheremo ai più celebri esempi di vitigni bianchi.
Di questa categoria fa parte il Gewürztraminer, una varietà autoctona in Alsazia e in Alto Adige. Il suo inconfondibile profumo di rosa e litchi lo rende un classico, capace di polarizzare gli appassionati. Il suo ventaglio di aromi, infatti, può piacere oppure no. Meno invadente risulta il Moscato, una delle poche varietà a profumare di uva. Anche il Riesling, con le sue note di agrumi e mela verde, e persino di frutta esotica, fa parte di questo ristretto gruppo. Grazie alle note minerali quasi sempre presenti, il suo bouquet si rivela estremamente complesso e ricco di sfaccettature.
Un altro vitigno aromatico molto diffuso e apprezzato è il Sauvignon Blanc. Varietà capace di definire vere e proprie tendenze enologiche, quest’uva spicca per i suoi aromi di uva spina, pompelmo, fiori di sambuco o asparagi. A seconda dell’origine e del tipo di vinificazione, nascono stili di vino molto diversi tra loro. Dalla Nuova Zelanda alcuni esempi di vini «verdi» riscuotono un grande successo. Tuttavia, se il bouquet di un vino presenta unicamente profumi di asparagi e peperoni, il piacere si mantiene entro certi limiti. Un vino dalle molte sfaccettature, invece, presenta un ampio spettro di aromi diversi. I vini provenienti dalla valle della Loira, la vera patria del Sauvignon Blanc, rivelano note minerali di pietra focaia determinati soprattutto dalla natura dei suoli di quella regione. Anche note troppo presenti di frutta esotica risultano spesso invadenti ed esagerate. Dal canto suo, la raccolta dell’uva ha spesso ricadute non indifferenti sullo stile del vino. Una volta una viticoltrice affermò, a ragione, che durante la vendemmia vi è solo una piccola finestra di tempo per portare le uve in cantina nelle migliori condizioni.
Le viti di Sauvignon Blanc crescono in molti luoghi e danno eccellenti risultati, anche in Germania. Con il bianco di Katrin Wind dal Palatinato, Mondovino offre una vera perla nel proprio assortimento di rarità. La giovane e impegnata viticoltrice con un occhio attento alla qualità, d’altra parte, non intende vinificare nettari troppo aromatici o troppo ricchi di alcool. Una cosa che le riesce particolarmente bene, come testimonia l’annata 2020 del suo Sauvignon Blanc Fumé. Disponibile in esclusiva da Mondovino – a un prezzo estremamente vantaggioso.
Immagine ingrandita Chiudi
75cl

Sauvignon blanc Fumé Pfalz Katrin Wind

Germania, 2020

Valutazione media: 0.0 da 5 da 5 Scrivi la prima recensione

Il Sauvignon Blanc è un vitigno aromatico. Il merito di Katrin Wind è quello di riuscire a smorzare il profumo e il sapore di questo vino, cha alle volte può risultare invadente. Il vino viene fatto fermentare per metà in tini d'acciaio e per metà in botti di legno usate. Al palato risulta asciutto, fresco, elegante, ben strutturato e con una bella morbidezza. Dal finale bello, minerale e persistente.

19.95

Prezzo per 10 centilitro
2.66/10cl
Mondovino Highlights: Il piacere di un vino scelto