Carrello

Il carrello è vuoto.

Aggiungi un prodotto e comincia a fare i tuoi acquisti.

Importo totale

Valore della merce:
CHF
Spese di consegna:
CHF

Totale:

CHF

Rosé, di tendenza

I vini rosé sono al centro della scena enologica. Vengono prodotti a partire dalle più varie tipologie di uva a bacca nera e conquistano con la loro freschezza, le note fruttate e l’assenza di tannini: caratteristiche che li rendono molto apprezzati dalle consumatrici e dai consumatori. La produzione dei rosé coinvolge quasi tutte le maggiori regioni vinicole. I classici vengono dalla Provenza, ma anche la nostra selezione di vini rosati spagnoli, italiani e svizzeri garantisce il massimo del gusto.

La vinificazione dei rosé

Saignée

Questo metodo consiste sostanzialmente nella produzione di un vino rosato durante il processo di vinificazione in rosso. Dopo qualche ora di contatto con le bucce, dalla vasca di macerazione viene prelevato circa il 20 % del mosto. Il nome saignée deriva infatti dalla terminologia medica e significa proprio salasso. Il mosto prelevato, di colore rosato, viene poi vinificato a freddo come un vino bianco. La parte rimanente continua invece la sua macerazione e sarà utilizzata per la produzione di un vino rosso vigoroso e dal colore intenso.

Pressatura diretta

Subito dopo essere stata raccolta, l’uva rossa viene pressata lentamente e delicatamente, spesso insieme ai raspi. Il colore rosato molto chiaro dei vini ottenuti con questo metodo è dovuto alla durata del contatto del succo con le bucce, di solito molto breve o del tutto nulla. Ne sono alcuni esempi il popolare Dôle Blanche del Vallese e il White Zin, lo Zinfandel californiano. 

Macerazione breve

I grappoli vengono diraspati e pigiati per ottenere il mosto, costituito dal succo insieme alle bucce e ai semi, che viene trasferito in un serbatoio per la macerazione. In questa fase avviene l’estrazione de le sostanze coloranti. Dopo un periodo che va dalle quattro alle sei ore, il mosto dal colore rosatoviene separato dalla parte solida e vinificato a freddo come un vino bianco. Questo è il metodo più diffuso e utilizzato.

Il rosé non è altro che un vino rosso fruttato, senza tannini e poco colorato.

Timothée Boltz, Ing. dipl. agronomo / enologo