Keine Kamera verfügbar. Bitte Zugriff auf Kamera erlauben und Applikation neu starten.

Cave du Rhodan

C'est le domaine Cave du Rhodan qui a été élu cave de l'année 2022 au Grand Prix du Vin Suisse.
Olivier e Sandra Mounir con i loro 3 figli nella cantina della loro azienda vinicola Cave du Rhodan
La Cave du Rhodan di Salgesch è stata fondata nel 1962 ed è oggi gestita da Olivier e Sandra Mounir, la terza generazione della famiglia. I due laureati in economia aziendale e viticoltori sono responsabili di un vigneto di 10 ettari. Inoltre, acquistano uva. La tenuta svolge un ruolo pionieristico nella viticoltura ecologica e sostenibile. Nel corso degli anni, i coniugi Mounir hanno attuato una serie di misure di conservazione della natura e delle risorse. Al posto dei fertilizzanti chimici, utilizzano quelli naturali. L'humus proviene dal loro impianto di terra vermiforme con un milione di vermi compostatori. I vigneti sono piantati con vegetazione per promuovere la biodiversità. La cantina è autosufficiente dal punto di vista energetico, grazie a un impianto fotovoltaico. Ci sono molti altri esempi. L'impegno dei coniugi Mounir sta dando i suoi frutti a vari livelli. Ad esempio, la Zürcher Kantonalbank ha assegnato all'azienda il Premio Speciale PMI per la Sostenibilità. L'impianto di terra vermiforme è stato premiato con il Prix Agrivalais dalla Camera dell'Agricoltura del Vallese. Cosa altrettanto importante oltre ai premi: La qualità dei vini sta gradualmente aumentando. Questo è evidente nel bicchiere e nei numerosi premi vinti ai wine awards. La Cave du Rhodan coltiva circa 30 varietà di uve, tra cui vitigni vallesani come il Pinot nero, il Cornalin, il Johannisberg o la Petite Arvine, ma recentemente anche esotici come il Pinotage. Il vino è disponibile come Edition Peter Keller esclusivamente presso Mondovino.
Immagine ingrandita Chiudi
75cl

Suisse VdP Pinotage Edition Peter Keller Cave du Rhodan

Svizzera, 2018

Valutazione media: 5.0 da 5 da 5 2 recensioni

La prestigiosa tenuta Cave du Rhodan ha piantato le prime viti di Pinotage nel 2012 a Salgesch. E a distanza di sei anni ha lanciato sul mercato l'Edition Peter Keller: il primo vino svizzero bio realizzato con questo vitigno originario del Sudafrica. La fermentazione con lieviti selvaggi è spontanea e avviene in tini di legno aperti, segue una maturazione di dodici mesi in barrique usate, per evitare che il vino acquisisca aromi troppo intensi di legno. Dal colore intenso, quasi porpora, il Pinotage presenta belle note fruttate di more, fiori e spezie (chiodi di garofano e violette) e si distingue anche dagli esempi sudafricani, spesso caratterizzati da sentori di banane. Al palato questa complessa specialità vallesana si presenta di medio corpo, densa, con tannini raffinati, un’acidità matura e una bella persistenza. Per via della giovane età delle viti, il Pinotage dovrebbe possedere un potenziale di invecchiamento medio di almeno sette otto anni. Perfetto per accompagnare qualsiasi tipo di pietanza a base di carne.

29.95

Prezzo per 10 centilitro
3.99/10cl
Mondovino Highlights: Il piacere di un vino scelto
Questo prodotto al momento non è disponibile online.
Scoprite anche i vini Futura Terram del Parco naturale Pfyn-Finges, che nascono dalla collaborazione tra i viticoltori Olivier Mounir, Andy Varonier (C. Varonier & Söhne a Varen), e Joel Bayard (Cave du Chevalier Bayard a Varen).
Pays: Svizzera
Region: Vallese
Website: www.rhodan.ch

Futura Terram